Non manca l'olio della George Pinaret


Jordi E. era Romero

Una persona a me molto cara, ricordato e mi ha detto qualche anno fa che era molto grato a San Giorgio, perché aveva aiutato durante gli anni difficili vissute da lui e la sua famiglia, perché essendo facendo il servizio militare in Alcoy, il suo battaglione è stato mobilitato per partecipare alla guerra in Africa, dove ha avuto la fortuna buona o cattiva per afferrare il tifo, che era destinato ad essere liberato fronte africano, che è diventato solo un partner con la sua vita e se stesso; e anni dopo, durante gli anni trenta, dopo diverse destinazioni e la guerra, è venuto per essere presa nella Plaza de Toros di Las Ventas a Madrid, che ha raccolto un gran numero di militari e civili controllare appartenenza all'uno o all'altro lato, fino a quando non è stato rilasciato dopo aver dimostrato che non aveva niente a che vedere con entrambi i gruppi. Durante questo periodo, quando ha avuto l'opportunità di raccontare a casa e con più enfasi essendo vicino Fiestas de Sant Jordi Relic, con testi molto piccole e sotto la guarnizione, Se la lettera potrebbe essere gestito dalla censura del tempo, ha scritto come un messaggio e la preghiera per i loro parenti: "Non manca l'olio della George Pinaret".

Una chiave o la password per il vostro tinguera famiglia sempre appeso e acceso un olio llanterneta, sappiamo per cresolo o "butterfly", la parte inferiore della scatola che rappresenta l'immagine di San Giorgio Martire diretta dal maestro Martinez e venerata nel momento in quasi tutte le case che avevano già condiviso quegli anni con la raccolta Acapte, nonostante la mancanza di tempo e anche se manca per preparare il pasto quotidiano, la preghiera e la preghiera che sarà di nuovo sano e salvo, come è stato nel corso del tempo e come segno di devozione, adorazione e di ringraziamento per tutta la protezione, felicità e benedizioni ricevute da San Giorgio, che da giovane professa un grande amore.

Conclusa la guerra e ritorno a casa, non avrebbe più la necessità di scrivere e pregare con la paura e la discrezione perché la luce mantinguera sempre rivolto a San Giorgio, decidere come rendere gratitudine al nostro Patrono San Giorgio Festival con la massima espressione nella nostra città è conosciuta: essendo capitano della riga, i cristiani.

E da quel momento ha deciso di festeggiare il giorno di San Giorgio la raccolta di tutta la sua famiglia intorno al tavolo di celebrarla, Come molti altri della nostra gente, come era il costume e la tradizione dei genitori riuniti a casa, nonostante le avversità e la carenza di cibo economiche del tempo, per celebrare la più grande festa del giorno di San Giorgio possibile, non solo come una petizione per la preghiera e aiutarli nei momenti difficili, ma anche, in ringraziamento per tutte le benedizioni ricevute.

Per molti anni è rimasto ben, solo grazie a Dio stava aumentando la famiglia con il matrimonio delle figlie, arrivare in tempo per infondere discretamente e in silenzio sentimento di amore e devozione a Sant Jordi loro nipoti, Il pranzo e continuare a celebrare il giorno di San Giorgio.

Fino a quando la durezza della vita stava iniziando il motivo principale per il loro entusiasmo e •, gioia e felicità, ed a partire da quel momento la celebrazione di San Giorgio ha cessato di essere di festa e divertimento per diventare molto più intimo e personale, celebrare e apprezzare le benedizioni ricevute con la loro partecipazione alla Messa e testimoniare il passaggio del processione solenne, eccitante passo all'immagine, la sua amata San Giorgio.
"Non manca l'olio del George Pinaret."

Per il secondo anno ho indirizza i lettori, dal onore coinvolti in essere il presidente del Consiglio della Confraternita di San Giorgio, in rappresentanza di tutti i fratelli e vicini Mariola.

Da qui ci congratuliamo con tutti i capi delle diverse compagnie che hanno la carica, la responsabilità e la soddisfazione di anno Mostra 2009/2010. Sicuramente Sant Jordi li aiuterà a godere di questi giorni con le loro famiglie, amici e colleghi di fila. E augurare a tutti i fratelli e tutti i vicini, major, giovane, bambini, musicisti, visitatori festivi e della nostra gente che questi partiti transcurran nel miglior modo possibile, avete più divertimento insieme e abbiamo Celebration, ma non dimenticare che l'origine del nostro festival è segnato dalla grande fede e grande devozione Mariola da tempo immemorabile e professa ancora al suo protettore esaltato San Giorgio Martire, come pure le nostre gioie di San Giorgio riflettono chiaramente: "Questa fortunata Villa / Con il modello salutato / perché con grande meraviglia / Jorge cacciò il Moro. / Questo è stato il più grande tale / Ammirava del vostro onore "., in chiaro riferimento agli eventi storici che si sono verificati su che oggi conosciamo come nostro Valencia intorno all'anno 1235.

La nostra Festa, senza le nostre origini, senza la nostra storia e soprattutto senza la nostra fede e credenze religiose, fonte precursore della nostra essenza di un popolo, senza l'eredità che i nostri antenati, che ha vissuto in modo, ci insegnano e ci siamo passati di generazione in generazione, res non gravi.

Ma queste riflessioni sarebbero un buon punto di partenza per uno studio più completo sulla provenienza delle nostre celebrazioni di mori e cristiani, renderlo utile, capito da più gente di me su questi temi, che da qui faccio una chiamata a contemplare la possibilità di esso, per il beneficio di tutti: il nostro festival, le nostre relazioni sociali e la nostra città essenza.

Ora prendo l'occasione per ringraziare la magnifica accoglienza, • la cooperazione e il grande supporto fornito velo da tutti voi nel lavoro che questa scheda ha iniziato la scorsa estate con un chiaro atteggiamento di servizio a tutto il nostro popolo, e vale la pena di registrare qui:
La partecipazione a tutti gli atti religiosi che organizza la Confraternita di San Giorgio per la maggior gloria di San Giorgio.

Presentazione della favola Ecco che arriva Sant Jordi Bañeres, condotto in 5 Aprile dello scorso anno 2009. Sia il grande afflusso di persone in occasione della cerimonia ufficiale di presentazione, che è venuto a riempire completamente il Teatre Principal, come per aver accompagnato il vino d'onore che ha servito nella sala accanto alla nostra sede, e soprattutto la magnifica accoglienza che hanno scusato, sono venuti a vendere cinquecento copie in appena quarantotto ore, e seconda ristampa, altri cinquecento, già esaurito. All'inizio di quest'anno, il 2010, Abbiamo iniziato a commercializzare la terza ristampa.

La partecipazione alla conferenza dell'ottava Musica di San Giorgio 2009, nella 30 la sua festa di compleanno, dal momento che nel 1979, presidente inviata D. Miguel Sanjuan Vicedo recuperare il programma culturale per integrare e concludere l'ottava di San Giorgio, Molte e varie sono stati i programmi che hanno contribuito a rafforzare la cultura della nostra città, grazie al coinvolgimento dei vari capitani che si maschera come un complemento alla loro capitano e il desiderio di condividere con i loro vicini bagni festa in onore di San Giorgio • lavoro collettivo con il suo contributo ai costi l'organizzazione di giornate culturali e persone anonime che hanno causato disinteressatamente sostenuto diversi programmi culturali con i loro contributi finanziari, le varie banche e società così come tutte le aziende municipali che, dal momento che sarebbe stato sindaco Jose Barceló Sanjuan e il suo team cavolo • dipendenti che hanno la lungimiranza necessaria per garantire Giorni musica ha avuto l'appoggio incondizionato della Corporation perché scomparso comunale, e ogni anno viene coinvolto in gran parte per aumentare gradualmente la qualità dei concerti offerti. A tutti loro il nostro sincero ringraziamento.

Dobbiamo anche dare prova di questo programma e il suo trentesimo, che ha preso forma nei seguenti concerti: Orchestra Filarmonica della Università di Valencia; organista Miguel Gonzalez Wind Ensemble e la Società Musicale di Mariola.

Con l'obiettivo di coinvolgere più partecipanti e rendere i dieci filaes dietro il nostro partito, nella celebrazione della Messa, sia San Giorgio e Relic, Abbiamo proceduto a invitare ogni celebrazione festiva delle diverse compagnie, cosicché lettori festeggiamenti appartengono a due differenti filaes e ruota in ciascuno dei lati, ordine di anzianità; Messa a St. George 2009 corrispondeva alla fila di cristiani e Moros Old Row, e di massa Relic fila gli studenti e nuove Mori fila. A tutti loro per il loro coinvolgimento, la loro responsabilità e la loro cooperazione •, Il nostro sincero ringraziamento.

"Non manca l'olio del George Pinaret."

Per ingrandire le nostre feste e fanno parte di un'universalità più attivo del nostro Santo Patrono, siamo giunti alla conclusione di invitare le personalità del partito Relic e le istituzioni a St. George, sorelle insieme con la nostra fratellanza in amore e devozione per il nostro amato patrono per facilitare la loro presenza e la risposta al nostro invito, perché se effettuata nel mese di aprile, per soddisfare le proprie celebrazioni probabilmente non avrebbe accettato. e inoltre, è una forma speciale di diretta e rafforzare i nostri festival Relic contro la proliferazione e facendo rinnovata forza dei partiti in anno Medio celebrato in innumerevoli città e che non è celebrato Mariola, per fortuna, essendo una delle poche persone che tenevano due volte l'anno al festival di mori e cristiani e le due esaltato in onore del nostro Patrono.

In questa prima occasione e girando lo sguardo verso la nostra storia e le nostre origini come un popolo che secondo la tradizione il 15 nel mese di agosto 1237 Jaume I, l'ultima battaglia della riconquista di Valencia, Puig, acclama la Vergine e San Giorgio, dove appare, Chi otterrà la vittoria tanto attesa, concludendo così la riconquista di Valencia. Per questo motivo, ci rendiamo conto che le istituzioni avevano avviato questa serie di inviti dovevano rappresentare le tre istituzioni più importanti della nostra Valencia: Chiesa di Valencia, la nostra Chiesa Madre; Il nostro governo successore Re Giacomo I, e la città di Valencia, Nessuno della città e tutti Casal Valencia, che è quello di essere in tutte le nostre istituzioni risiedono.

Per questo motivo ha invitato l'onorevole Mr.. Juan Gabriel Ferrer Cotino, Terzo Vice Presidente della Generalitat Valenciana e Ministro della previdenza sociale, come rappresentante della Generalitat Valenciana, e purtroppo non ha potuto partecipare; L'il • lustríssim Sr. Juan Perez Navarro, exdean della Cattedrale diocesana di Valencia, in qualità di rappresentante del Capitolo della Cattedrale, che detengono la responsabilità di essere il predicatore della celebrazione eucaristica, e, infine, la stessa lucentezza Il • Mr.. Miguel Domínguez Pérez, Secondo Vice Sindaco di Valencia, come rappresentante della stessa.

Come ho già detto l'anno scorso, Confraternita di San Giorgio, non può mantenere il proprio patrimonio, grazie a tutti banyeruts è stato allargando negli ultimi anni. Cresciuto nel corso dell'ultimo trimestre dell'anno 2008 e la prima 2009 i lavori di manutenzione che richiede l'attenzione più urgente, il resto dell'anno 2009 abbiamo intenzione di finire la riparazione e la manutenzione di lavoro di cui, tra cui si evidenziano la pulizia e la riparazione sia della destra e la bandiera Script ricamato di San Giorgio; pulizia, riparazione e regolazione • Stick it. Abbiamo completato il lavoro di riparazione perdite nella Cappella di San Giorgio e risolto alcuni problemi scarichi nei magazzini della Fratellanza. Va notato, similmente, le prime piogge dello scorso settembre hanno evidenziato l'esistenza di un fascio rotto cadendo sul ponte della crociera sulla chiesa di San Giorgio, fortunatamente è stato in grado di consolidare rapidamente prima dell'inizio dell'inverno. E come diceva il poeta: "E si fa camminando / senza voltarsi indietro / il percorso che non ha mai fare un passo indietro per vedere ".

tuttavia, la necessità di tale lavoro di cura, riparazione e manutenzione, ogni nuovo consiglio di amministrazione di qualunque forma di associazione, seguire de l'natura continua, Nuovi progetti hanno bisogno di mantenere la fiamma della speranza e •, in particolare stato d'animo e il desiderio di servire la nostra comunità Mariola, così quando mettere le mani su queste linee probabilmente alcuni nuovi progetti in programma per noi e ha avuto luogo durante la fine del 2009 e l'inizio 2010, già sapere, anche la pena di registrare tutti:
Proprio l'anno scorso siamo riusciti a rendere la storia di San Giorgio e bagni come un mezzo per portare la Fratellanza e la figura del nostro patrono per i nostri figli, un'altra delle nostre sfide fin dall'inizio è stato quello di portare i suoi fratelli della Fratellanza, e tra questi e in particolare, coloro che non risiedono nella nostra città e coloro che per motivi di salute, non si può visitare la nostra sede o contattaci. Avvalendosi dei progressi che le nuove tecnologie ci offrono, Noi pensiamo che questa situazione potrebbe essere risolto per mezzo di un sito web, uno strumento che sarà presto in contatto con il Consiglio della Fratellanza, consentire la consultazione del nostro documentario, e una migliore comprensione dell'iconografia di San Giorgio, così come espanderla con il loro contributo, facilitare l'acquisizione di attrezzature e Fratellanza, come, La nostra più grande ambizione è messo in relè di potenza attraverso questo, atti religiosi su cui la Fratellanza sostiene l'essenza e la ragion d'essere e gli eventi culturali eseguita. in sintesi, una finestra permanente sulla intercomunicazione tra Confraternita, i suoi fratelli e tutti coloro, non importa dove sono o dove sono, che sono interessati al nostro lavoro.

Per queste ragioni lo scorso settembre ha iniziato i lavori per due squadre specifici, creato all'interno del Consiglio della Confraternita di San Giorgio a svolgere le due linee di lavoro che determinano questi progetti: apparecchiature informatiche archivio e delle nuove tecnologie.
Il team ha iniziato a lavorare di ordinamento dei file, riclassificazione, registrare tutto il materiale accumulato nel corso degli ultimi anni sono state plasmare gli archivi della Fratellanza; è un ardua e difficile ma necessaria, perché quasi senza rendersene conto accumulata nel volume di documentazione è cresciuta notevolmente.

Mentre la squadra Nuove Tecnologie ha iniziato il suo lavoro nello stesso mese, venendo dopo molti studi, a metà dello scorso novembre per segnare le linee guida che determineranno lo sviluppo di questo progetto e mescolate tutte le opzioni e le aziende di design ponderati e pubblicità, Il progetto è stato commissionato dalla società locale Tam-Tam design, dopo il successo della storia e illustrazioni • San Giorgio.

Speriamo che nel corso di quest'anno 2010, ci sarà ufficialmente presentare i risultati di questi due progetti sarà certamente un impatto positivo a tutti noi.

Data la richiesta insistente di molti residenti, perché rinnovare il rodabalcó San Giorgio, che anche comportare la possibilità di estendere l'iconografia che adorna le nostre strade durante le vacanze e una dimostrazione pubblica della devozione al nostro patrono, è stato scelto dopo uno studio approfondito fatto uno nuovo, alla fine dello scorso anno. Si tratta di un tessuto in tinta unita rodabalcó, un'immagine ad alta risoluzione del nostro San Giorgio Script digitale stampa a quattro colori e, è un lavoro di grande importanza per noi, sia per la sua rappresentazione come per il suo simbolismo; s'hat pubblicamente presentato e ha iniziato la commercializzazione del mese di dicembre 2009.
Data l'attuale situazione economica, che ci riguarda tutti direttamente, e in particolare le associazioni, confraternite, tra gli altri, come il nostro, senza scopo di lucro dipendono da donazioni e la fratellanza nel nostro caso il poco reddito che generano attualmente raccolti cartone trimestrale, perché non abbiamo ricevuto una sola tassa per tutti o fratelli, o un'equa distribuzione dei costi, ma come una donazione alle possibilità di ciascun partner, siamo tenuti ad avere un sacco di immaginazione, capacità e controllo dei costi risparmio.

Ma nonostante tutto la Divina Provvidenza ci aiuta quando ne abbiamo bisogno e non ci abbandona nei momenti chiave e importante per tutti.

Dal momento che l'inizio del nostro viaggio come un consiglio, un altro progetto che abbiamo pensato che era di costruire una vetrina -a expositor- sceneggiatura per San Giorgio, per il loro prezioso devozione emotivo e avete per tutti i bambini in vasche da bagno per essere chiaro e diretto un riferimento per segnare l'inizio di St. George Street, per il suo alto valore artistico, dal disegno in stile barocco e sono stati ricamati a mano; un progetto che era stato in qualche modo relegato in secondo piano a causa della situazione economica attuale e hanno altri bisogni urgenti.

Alla fine dello scorso anno, una famiglia di Mariola ha preso la felice idea di dare la Fratellanza un armadio simile ad altri parrocchia esistente o musei diocesani che espongono striscioni, striscioni e bandiere processionali, per script di protezione ed esposizione.

"Non manca l'olio del George Pinaret."

giornata di oggi, espositore per questo pezzo di alto valore storico e artistico è una realtà da raggiungere fornitore di conciliare l'idea della famiglia e il progetto che la Fratellanza aveva sviluppato.

Sia il benefattore famiglia della Confraternita e nel rispetto della loro espressa volontà essere anonime, come fornitore dell'espositore, in nom Consiglio di rappresentare qui, Desidero esprimere loro la nostra più sincera gratitudine per questo gesto che onora e aiuta a garantire che il valore del patrimonio della Confraternita, tutto il nostro popolo, protetto e salvaguardato andare oltre, se necessario,. Molte grazie di cuore, per i loro sforzi, il sacrificio e la cooperazione disinteressata • per maggior gloria di San Giorgio.

Un altro dei nostri grandi progetti, che è emerso rapidamente fin dall'inizio, quan vam plantejar la nostra labor de futur per als tres anys en què anàvem a assumir amb responsabilitat la direcció de la Confraria de Sant Jordi, va ser la composició musical de la Missa de Sant Jordi de Banyeres de Mariola com un mitjà d’engrandir la devoció que Banyeres sent cap al seu insigne Patró Sant Jordi, i com a mitjà per a seguir engrandint el patrimoni cultural, musical i litúrgic que la Confraria de Sant Jordi posseïx, i del qual Banyeres de Mariola disposa plenament. El projecte que es va posar en marxa a final de l’any 2008.

Després d’un llarg procés d’estudi, reflexió i deliberació, vam aconseguir unir criteris pel que fa al compositor, el plantejament, les formes corals i musicals, la possible estrena, tra gli altri, arribant a la conclusió que una Missa en honor del nostre Patró Sant Jordi havia de convertir-se en un projecte de tots els banyeruts; per la qual cosa els esforços havien de centrar-se en el fet que en la mesura que es poguera el compositor, la coral i l’orquestra, a pesar de les possibles dificultats existents, foren del nostre poble, per a aconseguir que la Missa arribe a ser de tots nosaltres, fills i veïns de Banyeres de Mariola. io, d’altra banda, que la data per a estrenar l’obra havia de ser en les Festes de Sant Jordi del 2010.

Una vegada preses les decisions oportunes per a este projecte es va decidir comptar amb els servicis del reconegut compositor local Francisco J. Molina Rubio, qui des d’un primer moment va acceptar el repte amb gran il•lusió i responsabilitat, i amb qui una vegada concretat l’acord de prestació de servicis vam acordar que per la seua línia i trajectòria musical i compositiva seria una composició de la nostra època, però que a l’estar destinada al culte majoritari del poble hauria de ser entés pel mateix, ja que si no corríem el risc que tan sols fora una composició més que quedara guardada en un calaix com moltes altres; així com que la llengua dels textos havia de ser la nostra, el valencià.

questo, fetes les excepcions oportunes, el compositor va iniciar la seua labor a final del 2008 i a l’estiu del passat 2009 vam poder comprovar el seu desenrotllament, que és de plena satisfacció.

Calia ara fer el pas següent, que la Missa de Sant Jordi de Banyeres de Mariola deixara de ser tan sols un utòpic projecte somiat per la Directiva de la Confraria contractat a un gran professional local de la musica perquè passara a ser un projecte col•lectiu de tot el nostre poble. De tots.
Durant el mes de setembre es va presentar el projecte i es van cursar les oportunes invitacions de col•laboració a la nostra Coral Mariola, associació germana en la Parròquia de Santa Maria, als membres de la Societat Musical de Banyeres de Mariola i al seu director Rafael García Vidal, els qui des d’un principi es van bolcar plenament en l’àrdua labor per tal d’aconseguir la bona evolució d’esta.

I novament, la Divina Providència i el nostre volgut i venerat Sant Jordi ens tornaven a tirar una mà, i a final del mes de desembre, quan ja no teníem esperança d’aconseguir-ho, una altra família del nostre poble, sabedora d’este nou projecte de la Confraria, es va oferir a córrer amb la totalitat de les despeses derivades de l’acord de prestació de servicis per la composició de l’obra. En esta ocasió la motivació era la d’Acció de Gràcies a Sant Jordi pels favors i les benediccions rebudes. I que va manifestar el seu exprés desig que no se’n conega la identitat.

"Non manca l'olio del George Pinaret."

che contribuiscono a diffondere anno dopo anno l'iconografia di Sant Jordi, compositor de la Missa, il corallo Mariola, la Societat Musical de Banyeres de Mariola i al seu director, Rafael Garcia Vidal, pel seu gran treball, implicació i il•lusió per aconseguir que este projecte siga una realitat i un gran èxit; i a la família que ha sufragat els costos econòmics de la composició, per i loro sforzi, sacrifici i col•laboració, esta Junta Directiva els manifesta el més sincer agraïment per a major glòria de Sant Jordi.

Però tot no són projectes nascuts de la il•lusió i el servici al nostre poble. Una necessitat que requeria de la nostra atenció urgent ens va sorgir en el camí: l’anda xicoteta que es trau en els trasllats i la imatge de Sant Jordi que es venera en la seua ermita necessitaven una ràpida i urgent restauració.

L’anda, una joia del nostre patrimoni religiós local, pel seu magnífic treball de talla i la rica ornamentació i policromia, donada per Gregori Molina i beneïda el 23 d'aprile 1963, sofria des de fa ja alguns anys de l’atac del corcó i tenia grans clavills en la fusta produïts pel transcurs dels anys al ressecar-se la fusta pels canvis de temperatura i la climatologia.

I la imatge, atacada també pel corcó en la seua base, a la qual faltaven dos dits en una de les seues mans i clavills ocasionats pel procés natural d’assecat de la fusta pel transcurs dels anys i per les sacsejades quan es treta en processó.

Després de llargs processos de selecció de l’empresa adequada per a estes labors de reparació i restauració, que no de conversió d’una peça històrica, amb més o menys antiguitat, en nova. Vam aconseguir establir relacions amb quatre empreses especialitzades en este treball, ubicades a Ciudad Real, Algemesí i dues de València. Finalment vam optar per l’empresa especialitzada en restauració religiosa Art i Restauració d’Algemesí, la qual treballa habitualment per a la Conselleria de Cultura de la Generalitat Valenciana i que recentment ha restaurat la Immaculada o Puríssimeta, patrona d’Ontinyent, tra molti altri.

La intervenció s’ha portat a terme en els primers mesos del 2010, ja que la nostra intenció era que, amb motiu de l’estrena de la Missa, i al presidir l’anda i la imatge la nostra Església Parroquial, estigueren restaurades com a commemoració d’esta efemèride.

I a la fi, torne a fer meua la frase en senyal de reconeixement a totes aquelles persones que des de la seua humilitat i devoció al nostre Patró Sant Jordi, des del seu esforç i col•laboració, des de les seues aportacions i donatius, siguen confrares o no, des de la labor callada a l’abric de la seua llar planxant i emmidonant les estovalles de l’Ermita de Sant Jordi o les de l’Altar de Sant Jordi de l’Església, netejant i traient brillantor als canelobres de l’Altar de Sant Jordi, cuidant de manera altruista l’ermita del nostre Patró, i a tots aquells que ens ajuden amb les seues aportacions, no sols econòmiques sinó també amb les seues donacions materials per al nostre fons documental i l’Arxiu, ajuden esta Junta Directiva a engrandir, més si és el cas, la devoció que Banyeres sent pel seu Sant Patró Sant Jordi Màrtir.

"Non manca l'olio del George Pinaret."

Vítol al nostro Patrono San Giorgio.

Scarica il documento